Indimenticabile… Alda

Canto Milano

Nella Città del vacuo dolore

io mi innamorai di uno sguardo,

di un sorriso triste senza cielo.

E così da questo candore disperato

è germogliato un fiore,

tu che pensi al domani

di quel tuo solito amore.

Ma tanti baciano la mano

del proprio carnefice

e questo significa che il cielo

è di ogni cuore,

come di tutti è il paradiso.

Alda Merini

Ricordarti attraverso le tue parole … è questo che ti rende ancora… e sempre  presente tra noi.

Annunci

1° compleanno…

 Sul tempo

 

E un astronomo disse:
Maestro, parlaci del Tempo.
E lui rispose:
Vorreste misurare il tempo, l’incommensurabile e l’immenso.
Vorreste regolare il vostro comportamento e dirigere il corso del vostro spirito secondo le ore e le stagioni.
Del tempo vorreste fare un fiume per sostate presso la sua riva e guardarlo fluire.
Ma l’eterno che è in voi sa che la vita è senza tempo
E sa che l’oggi non è che il ricordo di ieri, e il domani il sogno di oggi.
E ciò che in voi è canto e contemplazione dimora quieto
Entro i confini di quel primo attimo in cui le stelle furono disseminate nello spazio.
Chi di voi non sente che la sua forza d’amore è sconfinata?
E chi non sente che questo autentico amore, benché sconfinato, è racchiuso nel centro del proprio essere,
E non passa da pensiero d’amore a pensiero d’amore, né da atto d’amore ad atto d’amore?
E non è forse il tempo, così come l’amore, indiviso e immoto?
Ma se col pensiero volete misurare il tempo in stagioni, fate che ogni stagione racchiuda tutte le altre,
E che il presente abbracci il passato con il ricordo, e il futuro con l’attesa.Kahlil Gibran 

 Un anno è trascorso dal mio primo post su WordPress… Un anno non facile per me… Un anno  passato  quasi interamente a piangermi addosso… Se  non avessi avuto questo finestra dalla quale gettare angosce e tristezze, se non avessi percepito  la vostra paziente solidarietà… sarebbe stato tutto molto più difficile!

Non a caso il sottotitolo di questo luogo è “guardandomi dentro”.  Devo ammettere che questa intenzione di introspezione si è realizzata. Sembra così illogico aver bisogno di un blog  conoscersi meglio ma sento di aver compiuto un passo ulteriore nel mio percorso di crescita personale…

Grazie a Mau, che ha tanto insistito perchè aprissi questo blog (e mi ha dato le prime “dritte”);                  

grazie a tutti gli amici che ogni giorno passano a dare un’occhiata a questo spazio empirico e spesso, poco curato…

Un abbraccio di cuore a tutti voi!

Fu un….Perfect day

Fu tutto perfetto!!! Come posso dimenticare…

Ho fame dalla tua bocca

Ho fame della tua bocca, della tua voce, del tuoi capelli
e vado per le strade senza nutrirmi, silenzioso,
non mi sostiene il pane, l’alba mi sconvolge,
cerco il suono liquido dei tuoi piedi nel giorno.

Sono affamato del tuo riso che scorre,
delle tue mani color di furioso granaio,
ho fame della pallida pietra delle tue unghie,
voglio mangiare la tua pelle come mandorla intatta.

Voglio mangiare il fulmine bruciato nella tua bellezza,
il naso sovrano dell’aitante volto,
voglio mangiare l’ombra fugace delle tue ciglia

e affamato vado e vengo annusando il crepuscolo,
cercandoti, cercando il tuo cuore caldo
come un puma nella solitudine di Quitratúe.

P. Neruda

 

Spirito d’iniziativa….

Divertente e raffinato questo spot … Improntato all’ atmosfera da “Un homme et une femme”  di Lelouch con la suggestiva colonna sonora di  Francis Lai ma qui con un tocco di malizia dissacratoria… Piacevole!!!

Non  possiamo  dimenticare tuttavia, la condizione delle 347 operaie di Faenza che, a causa delle  politiche  economiche aziendali,  si ritrovano  sull’orlo del licenziamento!!! 

Siamo con voi ragazze….  Mai più OMSA se non saranno made in Italy!!!